MALVA

MALVA

Malva

La malva è una pianta erbacea biennale o perenne. La sua altezza è compresa tra i 60 e gli 80 cm. Presenta fusti eretti ma talvolta prostrati sul terreno. La sua radice ha uno sviluppo a fittone.

I fiori di malva sono composti da cinque petali, di colore rosa violaceo, a volte anche lilla o viola e con striature rossastre. Il colore malva, infatti, vede una tonalità violacea ispirandosi proprio a questo fiore. La fioritura della malva inizia a primavera. I fiori si sviluppano scalarmente fino al termine dell’estate. E’ una pianta spontanea che cresce negli ambienti più disparati, prati, terreni incolti, pascoli e radure ma anche sui bordi di strade e campi. Per la sua rusticità è facile da coltivare e di grande adattamento. La coltivazione dura due o più anni. Quando si coltiva la malva per più anni, la pianta diventa più sensibile a diverse malattie (soprattutto agli attacchi di ruggine). Infatti in agricoltura, i fornitori di foglie e fiori di malva per grossisti, erboristerie e laboratori, la coltivano rinnovando la coltivazione ogni anno proprio per evitare malattie e garantirsi un prodotto sano. La coltivazione di malva può essere avviata sia per semina diretta (in giardino, in vaso o in pieno campo) sia per semina in serra per poi trapiantare le piante di malva già sviluppate. I semi di malva sono piccolissimi, infatti la raccolta dei semi può essere un po’ complicata proprio per questo. Il peso di 1.000 semi di malva ammonta a circa 2 grammi. I semi di malva impiegano circa 15 giorni per germinare e produrre la prima finta foglia, il cotiledone. I tempi di germinazione dei semi di malva aumentano se il terreno non è sufficientemente umido. Dopo la semina, infatti, dovrai provvedere a irrigare il terreno evitando, però, getti d’acqua diretti che potrebbero spostare i piccolissimi semi, che sono facili da trovare presso i consorzi agrari o sfruttando la compravendita online. Su Amazon, per esempio, delle bustine di semi di malva si comprano con pochi euro. La malva non richiede particolari cure. Per incrementare la produzione di foglie si può somministrare un concime a base di letame (concime organico) mentre se al contempo vuoi stimolare produzione di foglie e di fiori dovrai usare un concime dall’apporto bilanciato di Azoto, Fosforo e Potassio.

Curiosità

Se, in giardino, hai delle piante di malva, puoi utilizzarle per preparare delle ottime tisane o infusi. Per la preparazione ti basterà essiccare la malva e tritarla. La dimensione giusta dei frammenti di malva va dai 2 ai 6 mm così da ottenere un infuso di malva ben concentrato e senza sprechi di principi attivi. Si possono fare tisane a base di foglie, fiori o entrambi.

Competenze

Postato il

11 Novembre, 2019

Translate »